GANDINO - GUIDI Via Graziano, 8 - 40122 - BOLOGNA
Tel. 051 555761 - Email: icgandinoguidi@ic17bo.eu
Austerità e Gentilezza CM: BOIC87600X - Codice Fiscale: 91313540378 - Cod.IBAN: IT53W0627013199T20990000643 - Cod. Univoco Ufficio: UF1QW8 - Nome Ufficio: Uff_eFatturaPA
Giro nel mondo in 80 libri

Giro nel mondo in 80 libri!!!

Gare di lettura per appassionati!! Iscriviti... "La lettura è la tua passione? Quando cominci un romanzo non puoi smettere di leggere fino alla fine? Ti fai richiamare dai tuoi genitori perché, all’ora di cena, anziché andare a tavola, “devi finire il capitolo”?   Allora sei la persona giusta per partecipare a “Il giro del mondo in 80 libri”, una gara a squadre in cui potrai mettere alla prova le tue abilità di lettore. Dovrai leggere i seguenti libri: -         Il grande albero di case basse di Luisa Mattia -         Mio nonno era un ciliegio di Angela Nanetti -         Zanna Bianca di Jack London (edizione Bur ragazzi)   A fine aprile, parteciperai alle gare di lettura che si svolgeranno a scuola. Tutti i partecipanti riceveranno l’attestato di partecipazione e i finalisti saranno premiati alla festa della scuola."     Giro nel mondo in 80 libri

Vincitori del Concorso Io posso educazione per lo sviluppo sostenibile

Vincitori del Concorso" Io posso: educazione per lo sviluppo sostenibile"

Al concorso nazionale :" Io posso: educazione per lo sviluppo sostenibile",della Facoltà di Scienze della Educazione della l'Università di Bolzano , la studentessa, Ludovica Groppoli, della classe 2E delle Gandino è risultata vincitrice ,a pari merito, per la sezione racconti, scuola secondaria 1^ grado,con il testo :"Mi chiamo Clelia e credo in un mondo sostenibile". Oltre al testo della giovane vincitrice, saranno pubblicati , in un volume raccolta, anche i testi di altri studenti meritevoli della scuola: Matteo Ciccone 2 A, Elena Baldi Antognini 2E, Martina Ettorre 2E, Francesca Sofri 2E, Federico Trombini 2E.   Ci congratuliamo con i nostri studenti.

Bilancio Sociale

Bilancio Sociale

Il bilancio sociale è uno strumento al servizio dell’autonomia scolastica e dei processi di valutazione, nei cui confronti la scuola non può essere un soggetto passivo.  Esso è momento fondante di un disegno più ampio che comprende: l’esplicitazione della visione etico-culturale della scuola. Su quali valori scommettere? Quale patto stipulare con gli stakeholder? la formazione alla cultura della responsabilità e dell’accountability di tutto il personale scolastico; la predisposizione di un sistema organizzativo coerente con le esigenze della valutazione, del monitoraggio, della rendicontazione, della comunicazione. In sintesi, il bilancio sociale misura, ricorrendo ad opportuni indicatori, le performance della scuola in termini di efficienza (miglior utilizzo delle risorse disponibili), di efficacia (raggiungimento degli obiettivi), di equità (la scuola come costruttore del bene comune per le giovani generazioni).


Olimpiadi di Problem Solving

Olimpiadi di Problem Solving

- OLIMPIADI DI PROBLEM SOLVING - Informatica e pensiero computazionale Il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca – Direzione Generale per gli ordinamenti scolastici e la valutazione del sistema nazionale d’istruzione – promuove per l’anno scolastico 2019-2020, le competizioni di informatica denominate “Olimpiadi di Problem Solving” (di seguito OPS), rivolte agli alunni del primo e del secondo ciclo delle scuole Italiane su territorio nazionale ed estero. Le competizioni si propongono di: stimolare la crescita delle competenze di problem solving e valorizzare le eccellenze presenti nelle scuole; favorire lo sviluppo e la diffusione del pensiero computazionale; promuovere la diffusione della cultura informatica come strumento di formazione nei processi educativi (metacompetenze); sottolineare l’importanza del pensiero computazionale come strategia generale per affrontare i problemi, come metodo per ottenere la soluzione e come linguaggio universale per comunicare con gli altri; stimolare l’interesse a sviluppare le capacità richieste in tutte le iniziative attivate per la valorizzazione delle eccellenze; integrare le esperienze di coding,makers e programmazione in un riferimento metodologico più ampio che ne permetta la piena valorizzazione educativa. Il nostro Istituto partecipa alle Olimpiadi di Problem Solving dall'anno scolastico 2014/2015 , classificandosi sempre alle nazionali. (vedi allegato risultati) Anche quest'anno l'11 e il 13 Febbraio si svolgeranno le gare d'istituto...Un grosso in bocca al lupo ai nostri studenti!!

Progetto Dada

Progetto Dada

Progetto DADA     D.A.D.A. è l’acronimo di Didattiche per Ambienti di Apprendimento e nasce con l’obiettivo di valorizzare il buono del sistema educativo italiano. I Dirigenti Scolastici Cangemi ed Ottorini hanno iniziato nel 2014 a rivoluzionare le loro scuole in collaborazione con l’Università Roma3 ed hanno delineato un modello di scuola che ha l’ambizione e la capacità di poter essere riproposto in altre scuole. Oggi quasi duecento scuole aderiscono al modello DADA: anche noi! PERCHE’ La ri-organizzazione degli spazi educativi-didattici implica una necessaria autonomia da parte degli studenti che si recano nell’aula allestita ad hoc per la materia. E’ un approccio “dinamico e fluido” che considera il movimento non una perdita di tempo ma un grande guadagno in termini di: AUTONOMIA: mi so spostare con rispetto RESPONSABILITA’: ho cura dei miei materiali SALUTE: alleggerisco lo zaino MOTIVAZIONE: il movimento favorisce la concentrazione     È infatti proprio il movimento uno degli elementi principali del progetto Dada, in cui l’intera comunità scolastica è stata coinvolta nel ripensamento degli spazi di apprendimento attraverso la rottura dello schema classicobanchi-cattedra e del binomioaula-classe,a favore del binomio aula-laboratorio. Nelle scuole coinvolte nel Dada non sono gli insegnanti a spostarsi, ma gli studenti, in un movimento dei corpi che favorisce l’attivazione dei processi di apprendimento. Gli studenti, nel Dada, sono il centro dell’azione di docenti, personale scolastico, genitori e dirigenti, mentre le aule si trasformano in ambienti di apprendimento caratterizzati e attrezzati con materiali didattici specifici. Un’attività che ha permesso di trasformare la scuola in un incubatore di idee, dove la tecnologia è coprotagonista di un processo più ampio di ripensamento della scuola del futuro.     CHI Tutti sono coinvolti: studenti, genitori, docenti e collaboratori.     COME Il percorso presuppone una organizzazione complessa che tutti possono e debbono contribuire a migliorare. I punti critici sono: ORARIO: blocchi di materia di due ore ZAINO: lo zaino è troppo pesante (per molti ma non per tutti) e il noleggio di armadietti personali è una strategia comune di possibile soluzione adatta anche a conservare gli effetti personali che non vengono più lasciati in “classe” SPOSTAMENTI: esiste un apposito regolamento MATERIALI: le aule di materia dovrebbero, a regime, essere provviste della maggior parte dei materiali utili per la didattica (strumenti musicali, strumenti di tecnica, arte etc..) LIBRI: a regime auspichiamo di avere una copia di ciascun libro di testo nelle aule in modo che gli alunni abbiano la possibilità di non dover portare il loro testa a scuola     Per questo motivo i docenti hanno raggruppato le loro aule in Dipartimenti e abbiamo elaborato un orario che in massima parte è a blocchi di due ore, abbiamo attivato i contatti con la ditta Mietra e previsto il noleggio degli armadietti scolastici da parte della famiglie. Sui materiali abbiamo già il set di musica con 25 pianole acquistate dal comitato genitori e così pure il set di Tecnica. Sui libri di testo abbiamo bisogno della collaborazione degli studenti di terza che ce li vorranno lasciare e sull’allestimento personalizzato delle aule di materie i Dipartimenti si sono già attivati da settembre.       Progetto DADA REGOLAMENTO SPOSTAMENTI DADA Modalità di svolgimento della ricreazione Modalità di utilizzo degli armadietti

Giochi Matematici del Mediterraneo 2020

Giochi Matematici del Mediterraneo 2020

Gli alunni della scuola Primaria Guidi ,G.R. della 5B , L.N. della 5B e R.T della 5B parteciperanno alla semifinale dei giochi logici matematici dell'Università di Palermo. Ci congratuliamo con i nostri alunni!

PTOF  Piano Triennale dellOfferta Formativa

PTOF - Piano Triennale dell'Offerta Formativa

Il Piano dell’offerta formativa è la carta d’identità della scuola: in esso vengono illustrate le linee distintive dell’istituto, l’ispirazione culturale-pedagogica che lo muove, la progettazione curricolare, extracurricolare, didattica ed organizzativa delle sue attività.  L’autonomia delle scuole si esprime nel PTOF attraverso la descrizione: delle possibilità di opzione offerte agli studenti e alle famiglie delle azioni di continuità, orientamento, sostegno e recupero corrispondenti alle esigenze degli alunni concretamente rilevate dell’articolazione modulare del monte ore annuale di ciascuna disciplina e attività dell’articolazione modulare di gruppi di alunni provenienti dalla stessa o da diverse classi delle modalità e dei criteri per la valutazione degli alunni dell’organizzazione adottata per la realizzazione degli obiettivi generali e specifici dell’azione didattica dei progetti di ricerca e sperimentazione e nella partecipazione a Reti di Scuole


Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta l’informativa estesa sui cookie. Proseguendo la navigazione, acconsenti all’uso dei cookie.