GANDINO - GUIDI Via Graziano, 8 - 40122 - BOLOGNA
Tel. 051 555761 - Email: icgandinoguidi@ic17bo.eu
Austerità e Gentilezza CM: BOIC87600X - Codice Fiscale: 91313540378 - Cod.IBAN: IT53W0627013199T20990000643 - Cod. Univoco Ufficio: UF1QW8 - Nome Ufficio: Uff_eFatturaPA
Ambienti di apprendimento

Ambienti di apprendimento

Per accedere ai due ambienti di apprendimento, utilizzati dall'istituto, basta cliccare su quello che interessa ed inserire le credenziali.     https://classroom.google.com/       https://teams.microsoft.com/go#     USO CLASSROOM   Istruzioni accesso piattaforma TEAM

Orario lezioni on line

Orario lezioni on line

- Circolare lezioni on line - Orario medie Gandino - Orario Primaria Guidi - Orario Infanzia Guidi - Orario attività Extracurriculari 

Didattica a distanza

Didattica a distanza

    - Istruzioni per l'accesso a Team e Classroom  -    USO CLASSROOM   -     Istruzioni accesso piattaforma TEAM - Progetto Logos Infanzia  Progetto Logos Infanzia -Attivazione di SuperMappeX Educational per allievi e insegnanti dell’IC17 di Bologna- - Attivazione di SuperMappeX Educational per allievi e insegnanti dell’IC17 di Bologna -Attivazione di SuperMappeX Educational per allievi e insegnanti dell’IC17 di Bologna Lettera Proposta-Anastasis--SuperMappeX -ASCOLTA LE STORIE http://Babalibri.it/ascolta-le-storie -PICCOLARADIO https://www.raiplayradio.it/programmi/piccolaradio/   -WORLD DIGITAL LIBRARY, BIBLIOTECA MONDIALE UNESCO GRATIS https://www.wdl.org      - E' arrivata la solidarietà digitale https://solidarietadigitale.agid.gov.it/#/ Emergenza Covid-19: messaggio del Direttore Generale agli studenti  Cigni-neri.   http://istruzioneer.gov.it/2020/03/11/emergenza-covid-19-un-messaggio-del-direttore-generale-agli-studenti/ Una Biblioteca a portata di clic  https://www.liberliber.it/online/autori/autori-h/homerus-omero/odissea-traduzione-maspero/    Coi teatri chiusi a Bologna gli spettacoli si fanno online https://bologna.repubblica.it/cronaca/2020/03/05/news/coi_teatri_chiusi_a_bologna_gli_spettacoli_si_fanno_online-250347431/        DIDATTICA E FORMAZIONE A DISTANZA nelle scuole dell’Emilia-Romagna in tempo di Coronavirus  Comunicazione-Pubblica-didattica-online     Emergenza Coronavirus – set per apprendimento a distanza http://istruzioneer.gov.it/2020/03/03/emergenza-coronavirus-set-per-apprendimento-a-distanza/      

Informazioni Coronavirus

Informazioni Coronavirus

NUOVO CORONAVIRUS- Dieci comportamenti da seguire Guida-CAA-Nuovo-Coronavirus   Decreto del Presidende del Consiglio dei Ministri - 11 Marzo 2020  DPCM 11 marzo 2020 Emergenza Covid-19: messaggio del Direttore Generale agli studenti  Cigni-neri   Decreto del Presidende del Consiglio dei Ministri - 4 Marzo 2020 DPCM 4 MARZO 2020 DPCM 1marzo 2020 provvedimenti contenimento diffusione virus SARS-COC2-2019/2020 - Ufficio scolastico regionale per l'Emilia-Romagna http://istruzioneer.gov.it/2020/03/01/dpcm-1marzo-2020-provvedimenti-per-contenere-diffusione-virus-sars-coc2/ Coronavirus - Certificato medico per rientro a scuola - Ufficio scolastico regionale per l'Emilia-Romagna http://istruzioneer.gov.it/2020/02/28/coronavirus-certificato-medico-per-rientro-a-scuola/   FAQ CORONAVIRUS https://www.istruzione.it/coronavirus/index.shtml   Aggiornamento Coronavirus: dal  24 Febbraio, e fino al 1^ marzo, in Emilia-Romagna sospensione dell’attività di tutte le scuole di ogni ordine e grado, asili nido, Università, musei, manifestazioni ed eventi, procedure concorsuali. Ordinanza del presidente Bonaccini e del ministro Speranza   Il presidente Bonaccini ringrazia tutti i professionisti della Sanità che in queste ore sono impegnati per la tutela della salute pubblica   23/02/2020 16:46   Bologna – Sospensione delle attività delle scuole di ogni ordine e grado, asili nido, Università, di manifestazioni ed eventi e di ogni forma di aggregazione in luogo pubblico o privato, delle gite di istruzione e dei concorsi. Sono le misure che vengono adottate in Emilia-Romagna per contrastare la diffusione del Coronavirus e che saranno valide fino al prossimo 1 marzo compreso. Sono previste nell’ordinanza che viene firmata dal presidente della Regione, Stefano Bonaccini, e dal ministro della Salute, Roberto Speranza. “Abbiamo decisodi mettere in campo una serie di provvedimenti per far sì che si possa fronteggiare la diffusione del virus offrendo le migliori condizioni possibili di sicurezza e tutela ai cittadini- afferma il presidente Bonaccini-. E voglio davvero ringraziare tutti i professionisti della sanità, e parlo di medici, biologi, tecnici, infermieri e quanti sono al lavoro da giorni, per quanto stanno facendo, che è davvero straordinario”. Bonaccini ha costantemente riunito il Comitato di coordinamento regionale, gli assessori competenti e anche i componenti della nuova Giunta, informati della situazione e delle misure adottate. Si stanno valutando misure ulteriori per Piacenza e il territorio piacentino, d’intesa con le istituzioni locali.   I contenuti dell’ordinanza In primo luogo, si prevede la “Sospensione di manifestazioni o iniziative di qualsiasi natura, di eventi e di ogni forma di aggregazione in luogo pubblico o privato, anche di natura culturale, ludico, sportiva ecc, svolti sia in luoghi chiusi che aperti al pubblico”. Prevista poi la “Sospensione dei servizi educativi dell’infanzia e delle scuole di ogni ordine e grado nonché della frequenza delle attività scolastiche e di formazione superiore, corsi professionali, master, corsi per le professioni sanitarie e università per anziani ad esclusione dei medici in formazione specialistica e tirocinanti delle professioni sanitarie, salvo le attività formative svolte a distanza” Inoltre, l’Ordinanza prevede la “Sospensione dei servizi di apertura al pubblico dei musei e degli altri istituti e luoghi della cultura di cui all’articolo 101 dei codici dei beni culturali e del paesaggio di cui al D.L. 42/2004, nonché dell’efficacia delle disposizioni regolamentari sull’accesso libero o gratuito a tali istituti o luoghi”. Sospeso anche “ogni viaggio di istruzione sia sul territorio nazionale che estero”. C’è, inoltre, la “Previsione dell’obbligo da parte di individui che hanno fatto ingresso in Emilia-Romagna da zone a rischio epidemiologico come identificate dall’Organizzazione Mondiale della Sanità di comunicare tale circostanza al Dipartimento di Prevenzione dell’Azienda sanitaria competente per territorio per l’adozione della misura di permanenza domiciliare fiduciaria con sorveglianza attiva”. Le Direzioni sanitarie ospedaliere “devono predisporre la limitazione dell’accesso dei semplici visitatori alle aree di degenza, preferibilmente una persona per paziente al giorno”. Anche le RSA per non autosufficienti “dovranno limitare l’accesso dei visitatori agli ospiti”. L’Ordinanza “raccomanda fortemente che il personale sanitario si attenga alle misure di prevenzione per la diffusione delle infezioni per via respiratoria nonchè alla rigorosa applicazione delle indicazioni per la sanificazione e disinfezione degli ambienti previste dalle circolari ministeriali”. Per quanto riguarda il trasporto pubblico, “deve essere predisposta dagli organismi competenti la disinfezione giornaliera dei treni regionali e di tutto il trasporto pubblico locale via terra, via aere e via acqua. Prevista, infine, la “sospensione delle procedure concorsuali ad esclusione dei concorsi per personale sanitario”.   L’ordinanza ricorda poi le misure igieniche che le persone sono chiamate a rispettare Lavarsi spesso le mani, a tal proposito si raccomanda di mettere a disposizione in tutti i locali pubblici, palestre, supermercati, farmacie, e altri luoghi di aggregazione soluzioni idroalcoliche per il lavaggio delle mani. Evitare il contatto ravvicinato con persone che soffrono di infezioni respiratorie acute Non toccarsi occhi, naso e bocca con le mani Coprirsi bocca e naso se si starnutisce o tossisce Non prendere farmaci antivirali né antibiotici, a meno che siano prescritti dal medico Pulire le superfici con disinfettanti a base di cloro o alcol Usare la mascherina solo si sospetta di essere malato o si assiste persone malate I prodotti Made in China e i pacchi ricevuti dalla Cina non sono pericolosi Contattare il Numero Verde regionale 800462340 se hai febbre o tosse e sei tornato dalla Cina da meno di 14 giorni 10.Gli animali da compagnia non diffondono il nuovo coronavirus

Bilancio Sociale

Bilancio Sociale

Il bilancio sociale è uno strumento al servizio dell’autonomia scolastica e dei processi di valutazione, nei cui confronti la scuola non può essere un soggetto passivo.  Esso è momento fondante di un disegno più ampio che comprende: l’esplicitazione della visione etico-culturale della scuola. Su quali valori scommettere? Quale patto stipulare con gli stakeholder? la formazione alla cultura della responsabilità e dell’accountability di tutto il personale scolastico; la predisposizione di un sistema organizzativo coerente con le esigenze della valutazione, del monitoraggio, della rendicontazione, della comunicazione. In sintesi, il bilancio sociale misura, ricorrendo ad opportuni indicatori, le performance della scuola in termini di efficienza (miglior utilizzo delle risorse disponibili), di efficacia (raggiungimento degli obiettivi), di equità (la scuola come costruttore del bene comune per le giovani generazioni).


Progetto Dada  Altri nuovi arredi

Progetto Dada - Altri nuovi arredi

Un altro tassello nella trasformazione dell’ambiente scolastico si è aggiunto oggi con la consegna degli   elementi di seduta morbida acquistati dal Comitato Genitori su impulso del Consiglio di Istituto. La nostra scuola si colora come un arcobaleno e vi aspetta per continuare a crescere insieme. Grazie a tutti                                                                 

Olimpiadi di Problem Solving

Olimpiadi di Problem Solving

- OLIMPIADI DI PROBLEM SOLVING - Informatica e pensiero computazionale Il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca – Direzione Generale per gli ordinamenti scolastici e la valutazione del sistema nazionale d’istruzione – promuove per l’anno scolastico 2019-2020, le competizioni di informatica denominate “Olimpiadi di Problem Solving” (di seguito OPS), rivolte agli alunni del primo e del secondo ciclo delle scuole Italiane su territorio nazionale ed estero. Le competizioni si propongono di: stimolare la crescita delle competenze di problem solving e valorizzare le eccellenze presenti nelle scuole; favorire lo sviluppo e la diffusione del pensiero computazionale; promuovere la diffusione della cultura informatica come strumento di formazione nei processi educativi (metacompetenze); sottolineare l’importanza del pensiero computazionale come strategia generale per affrontare i problemi, come metodo per ottenere la soluzione e come linguaggio universale per comunicare con gli altri; stimolare l’interesse a sviluppare le capacità richieste in tutte le iniziative attivate per la valorizzazione delle eccellenze; integrare le esperienze di coding,makers e programmazione in un riferimento metodologico più ampio che ne permetta la piena valorizzazione educativa. Il nostro Istituto partecipa alle Olimpiadi di Problem Solving dall'anno scolastico 2014/2015 , classificandosi sempre alle nazionali. (vedi allegato risultati) Anche quest'anno l'11 e il 13 Febbraio si svolgeranno le gare d'istituto...Un grosso in bocca al lupo ai nostri studenti!!

Progetto Dada

Progetto Dada

Progetto DADA           D.A.D.A. è l’acronimo di Didattiche per Ambienti di Apprendimento e nasce con l’obiettivo di valorizzare il buono del sistema educativo italiano. I Dirigenti Scolastici Cangemi ed Ottorini hanno iniziato nel 2014 a rivoluzionare le loro scuole in collaborazione con l’Università Roma3 ed hanno delineato un modello di scuola che ha l’ambizione e la capacità di poter essere riproposto in altre scuole. Oggi quasi duecento scuole aderiscono al modello DADA: anche noi! PERCHE’ La ri-organizzazione degli spazi educativi-didattici implica una necessaria autonomia da parte degli studenti che si recano nell’aula allestita ad hoc per la materia. E’ un approccio “dinamico e fluido” che considera il movimento non una perdita di tempo ma un grande guadagno in termini di: AUTONOMIA: mi so spostare con rispetto RESPONSABILITA’: ho cura dei miei materiali SALUTE: alleggerisco lo zaino MOTIVAZIONE: il movimento favorisce la concentrazione     È infatti proprio il movimento uno degli elementi principali del progetto Dada, in cui l’intera comunità scolastica è stata coinvolta nel ripensamento degli spazi di apprendimento attraverso la rottura dello schema classicobanchi-cattedra e del binomioaula-classe,a favore del binomio aula-laboratorio. Nelle scuole coinvolte nel Dada non sono gli insegnanti a spostarsi, ma gli studenti, in un movimento dei corpi che favorisce l’attivazione dei processi di apprendimento. Gli studenti, nel Dada, sono il centro dell’azione di docenti, personale scolastico, genitori e dirigenti, mentre le aule si trasformano in ambienti di apprendimento caratterizzati e attrezzati con materiali didattici specifici. Un’attività che ha permesso di trasformare la scuola in un incubatore di idee, dove la tecnologia è coprotagonista di un processo più ampio di ripensamento della scuola del futuro.     CHI Tutti sono coinvolti: studenti, genitori, docenti e collaboratori.     COME Il percorso presuppone una organizzazione complessa che tutti possono e debbono contribuire a migliorare. I punti critici sono: ORARIO: blocchi di materia di due ore ZAINO: lo zaino è troppo pesante (per molti ma non per tutti) e il noleggio di armadietti personali è una strategia comune di possibile soluzione adatta anche a conservare gli effetti personali che non vengono più lasciati in “classe” SPOSTAMENTI: esiste un apposito regolamento MATERIALI: le aule di materia dovrebbero, a regime, essere provviste della maggior parte dei materiali utili per la didattica (strumenti musicali, strumenti di tecnica, arte etc..) LIBRI: a regime auspichiamo di avere una copia di ciascun libro di testo nelle aule in modo che gli alunni abbiano la possibilità di non dover portare il loro testa a scuola     Per questo motivo i docenti hanno raggruppato le loro aule in Dipartimenti e abbiamo elaborato un orario che in massima parte è a blocchi di due ore, abbiamo attivato i contatti con la ditta Mietra e previsto il noleggio degli armadietti scolastici da parte della famiglie. Sui materiali abbiamo già il set di musica con 25 pianole acquistate dal comitato genitori e così pure il set di Tecnica. Sui libri di testo abbiamo bisogno della collaborazione degli studenti di terza che ce li vorranno lasciare e sull’allestimento personalizzato delle aule di materie i Dipartimenti si sono già attivati da settembre.                Progetto DADA REGOLAMENTO SPOSTAMENTI DADA Modalità di svolgimento della ricreazione Modalità di utilizzo degli armadietti

PTOF  Piano Triennale dellOfferta Formativa

PTOF - Piano Triennale dell'Offerta Formativa

Il Piano dell’offerta formativa è la carta d’identità della scuola: in esso vengono illustrate le linee distintive dell’istituto, l’ispirazione culturale-pedagogica che lo muove, la progettazione curricolare, extracurricolare, didattica ed organizzativa delle sue attività.  L’autonomia delle scuole si esprime nel PTOF attraverso la descrizione: delle possibilità di opzione offerte agli studenti e alle famiglie delle azioni di continuità, orientamento, sostegno e recupero corrispondenti alle esigenze degli alunni concretamente rilevate dell’articolazione modulare del monte ore annuale di ciascuna disciplina e attività dell’articolazione modulare di gruppi di alunni provenienti dalla stessa o da diverse classi delle modalità e dei criteri per la valutazione degli alunni dell’organizzazione adottata per la realizzazione degli obiettivi generali e specifici dell’azione didattica dei progetti di ricerca e sperimentazione e nella partecipazione a Reti di Scuole


Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta l’informativa estesa sui cookie. Proseguendo la navigazione, acconsenti all’uso dei cookie.